Carini, resta in vigore la Tarsu aumentata del 32%. Per Mondoconsumatori è illegittimo

Dopo 3 ore di animato dibattito, il Consiglio Comunale di Carini, con 9 voti a favore e 5 contrari, ha approvato l’opzione tributaria proposta dalla Giunta guidata dal sindaco Giuseppe Agrusa, e cioè quella di accogliere la possibilità fornita dal governo nazionale ai comuni che non hanno ancora approvato il bilancio di previsione, di lasciare in vigore la Tarsu, piuttosto che passare alla Tares. Anche quest’anno, quindi, i cittadini di Carini dovranno corrispondere all’ente locale la tassa rifiuti solidi urbani che, comunque, con delibera di giunta, stamani, è stata ritoccata con l’aumento del 32,6%. Aliquote accettabili – secondo il primo cittadino – rispetto alle tariffe della Tares che avrebbero quintuplicato il carico fiscale dei contribuenti ed in particolare dei commercianti e delle attività produttive. Sempre questa mattina, con delibera di Giunta, è stata ritoccata l’imposta dell’imu, lievitata del 3%. Per Mondoconsumatori la delibera di aumento della tarsu è illegittima. LE INTERVISTE DEL SINDACO GIUSEPPE AGRUSA E DI AMBROGIO CONSILGIARO DI MONDOCONSUMATORI NEL TG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy