Balestrate. Marcia e flash mob contro il femminicidio

Sono cento ventotto le madri, mogli, fidanzate, figlie, sorelle, uccise in Italia dall’inizio dell’anno ad oggi, migliaia nel mondo. Balestrate e diversi paesi del territorio hanno ieri sguarciato il silenzio contro il femminicio, con varie manifestazioni e la firma di un protocollo d’intesa per la creazione di una rete per garantire l’attenzione sull’allarmante fenomeno e tutelare le vittime di violenza. Nella cittadina marinara, la pioggia non ha fermato la marcia degli amministratori e delle realtà locali come associazioni e scuola calcio. Ci si aspettava una partecipazione più massiccia ma è si è trattato comunque di un buon inizio. Significativo il flash mob organizzato da un gruppo di giovani per ribadire il NO alla violenza sulle donne. Alla manifestazione, promossa dall’amministrazione comunale di Balestrate, erano stati invitati i comuni del palermitano e del trapanese. Hanno partecipato Giardinello, con il vicesindaco Andrea Caruso e l’assessore alle pari opportunità Giusi Abbate, il consigliere comunale di Partinico Maria Grazia motisi, in qualità però di presidente dell’associaizone “Le Torri”, il sindaco di Borgetto, Gioacchino De Luca, accompagnato dall’assessore Giusy Grippi e dalle donne che siedono in consiglio comunale, il presidente Elisabetta Liparoto, Mariella D’Amico, Veronica Leo e Monia Jerbi. Soddisfatta l’assessore di Balestrate Piera Chiarenza che ha curato le iniziative
INTERVISTE NEL TG…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy