Condannato a 30 anni l’assassino di Don Michele Di Stefano

Antonino Incandela, 33 anni, reo confesso dell’omicidio del parroco di Ummari, don Michele Di Stefano, assassinato lo scorso 26 febbraio nella canonica, è stato condannato a 30 anni di reclusione dal Gup di Trapani.
L’accusa è di omicidio per rapina. Il giudice ha escluso la
premeditazione.

La sentenza, al termine di un processo lampo, è stata emessa oggi pomeriggio. Ancora non del tutto chiaro il movente.
Incandela, arrestato dai carabinieri poco dopo l’omicidio, dapprima ha raccontato agli inquirenti che nutriva rancore nei confronti del sacerdote perché non condivideva il contenuto di alcune omelie; successivamente ha sostenuto di essere stato oggetto di attenzioni morbose del prete quand’era adolescente.
La comunità di Ummari auspicava un dibattimento pubblico in Corte di assise, piuttosto che il rito abbreviato, proprio per far luce sui tanti aspetti ancora oscuri della vicenda, a cominciare dal movente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy