ISOLA DELLE FEMMINE. MASTER CIS IN COLLABORAZIONE CON L’UNIVERSITA’ DI PALERMO

Gli esperti della polizia Scientifica arrivano all’Università di Palermo. Ma questa volta la scena del crimine è solo una finzione. E non certo quella televisiva. La facoltà di Scienze matematiche, fisiche e naturali ha deciso di tornare a organizzare un master per specialisti in indagini forensi. Fra i docenti ci sono proprio i poliziotti in camice bianco, che arrivano dal Gabinetto regionale di polizia scientitica del capoluogo siciliano: sono gli investigatori che hanno estratto il Dna di Bernardo Provenzano, che hanno esaminato i suoi pizzini, gli investigatori che hanno incastrato i colpevoli di alcuni omicidi eccellenti grazie a un frammento di impronta o a una traccia su un proiettile. E’ la seconda esperienza per l’ateneo palermitano. L’organizzatore dell’iniziativa, il professore Luca Sineo, ha coinvolto anche il dipartimento di scienze penalistiche e quello di medicina legale. Il corso è sponsorizzato dalla BioNat Italia e dal Comune di Isola delle Femmine, su proposta del presidente del consiglio Alessandro Giucastro.
“Abbiamo confermato anche quest’anno il nostro supporto all’importante iniziativa – dichiara il sindaco di Isola delle Femmine Gaspare Portobello. L’obiettivo del master è quello di formare magistrati, avvocati e medici impegnati in delicate indagini e il nostro comune – conclude Portobello – non poteva non sostenere questa iniziativa di grande spessore culturale”

Hide picture Privacy Policy