DROGA. DUE PARTINICESI IN MANETTE

Nascondevano 1kg di hashish nel sedile posteriore della vettura. E per Antonino Pezzino e Lorenzo Rigano entrambi 29 enni e residenti in via Giglio a Partinico sono immediatamente scattate le manette. I due giovani, a bordo di una lancia Y di colore grigio, intorno alle 20.30 di venerdì scorso, sono stati notati dai Carabinieri del Nucleo radiomobile della Compagnia di Monreale perché viaggiavano a velocità sostenuta sulla Provinciale 20, in direzione Pioppo. La pattuglia in abiti civili, a bordo di un autovettura civetta con targa di copertura, insospettita al passaggio della Lancia Y, si è messa immediatamente all’inseguimento del mezzo, mentre informava via radio la Centrale Operativa, che ha tempestivamente inviato in rinforzo altre due pattuglie. Dopo avere affiancato l’autovettura ed intimato l’ALT, la terza autovettura che proveniva nel senso di marcia opposto, si è messa davanti alla Lancia Y per evitarne la fuga, tutelare l’incolumità dei militari stessi e degli altri utenti della strada. Prontamente bloccata la vettura, i Carabinieri hanno effettuato un’accurata perquisizione sia personale che veicolare, al temine della quale hanno rinvenuto un involucro, occultato nel sedile posteriore dell’auto, avvolto con del nastro adesivo da imballaggio, contenente 10 parallelepipedi di sostanza resinosa di colore marrone. L’hashish, per un peso complessivo di 1 kg è stata posta sotto sequestro. Ad essere sequestrata anche una modica quantità di denaro, posseduta da uno dei due giovani, probabilmente il ricavato della vendita della sostanza stupefacente. Dopo aver espletato le formalità di rito, Antonino Pezzino e Lorenzo Rigano, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria sono stati sottoposti agli arresti domiciliari e associati presso la casa circondariale Ucciardone di Palermo. La droga è stata inviata presso il laboratorio della sezione investigazioni scientifiche del comando provinciale dei Carabieniri di Palermo, per essere sottoposto ai necessario accertamenti nell’attesa dell’autorizzazione alla distruzione.

Hide picture Privacy Policy