CASTELLAMMARE DEL GOLFO. CONSIGLIO COMUNALE APERTO SU SEQUESTRO PORTO

Il Consiglio comunale di Castellammare del Golfo si è riunito sabato in seduta aperta per sentire la voce della cittadinanza dopo il sequestro dei cantieri del porto da parte della magistratura, che sospetta sia stato utilizzato cemento depotenziato e materiale inerte non corrispondente ai parametri previsti dal capitolato di appalto nella costruzione delle nuove strutture portuali. Nel corso della seduta il presidente del Consiglio, Giusepe Cruciata, ha inoltre letto l’ordine del giorno, approvato all’unanimità il 7 giugno scorso, col quale il Consiglio comunale esprime “massima fiducia nell’operato della magistratura e chiede al Prefetto di Trapani di farsi portavoce con la Procura dello stato d’animo e delle aspettative che la città di Castellammare del Golfo ripone nella realizzazione del porto, invitandola ad accelerare l’iter per la definizione delle indagini e di attivarsi con le autorità competenti per una celere ripresa dei lavori”. Hanno partecipato al Consiglio comunale aperto anche Camillo Oddo, vicepresidente dell’Assemblea regionale siciliana ed esponente del Pd Trapanese e Livio Marrocco, vicepresidente della Commissione d’inchiesta e vigilanza sul fenomeno mafioso del Parlamento siciliano, eletto anche lui nel collegio di Trapani. I PARTICOLARI NEL TG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy