PROCESSO MORI. PARLA MARTELLO

“Avemmo la sensazione che tra i carabinieri del Ros e Vito Ciancimino ci fossero rapporti stretti”. E’ uno dei passaggi della deposizione dell’ex ministro della giustizia Claudio Martelli, citato come teste al processo per favoreggiamento aggravato alla mafia al generale dei carabinieri Mario Mori, ex vice comandate del Ros.

Martelli ha raccontato in aula che, alla fine di giugno del ’92, l’allora direttore degli Affari penali del ministero, Liliana Ferraro, gli disse che aveva incontrato il capitano Giuseppe De Donno, allora braccio destro di Mori, e che l’ufficiale le aveva riferito di avere preso contatti con il figlio di Ciancimino, Massimo, con lo scopo di incontrare il padre “per fermare le stragi”.

“Ferraro – ha aggiunto Martelli – mi raccontò di avere invitato De Donno a rivolgersi a Borsellino. Praticamente Ferraro mi fece capire che il Ros voleva il supporto politico del ministero a questa iniziativa. Io mi adirai perché trovavo una sorta di volontà di insubordinazione della condotta dei carabinieri. Avevamo appena creato la Dia, che doveva coordinare il lavoro di tutte le forze di polizia e quindi non capivo perchè il Ros agisse per conto proprio”.

Infuriato Martelli avvertì nella circostanza l’ex capo della Dia, il generale Taormina, e l’allora ministro dell’Interno. Il testimone, che ha dichiarato di non sapere se dopo l’invito della Ferraro il Ros si rivolse a Borsellino, ha raccontato di un secondo incontro tra De Donno e l’ex direttore degli affari penali.

“Nell’ottobre del 1992 – ha detto – Ferraro mi disse di avere visto de Donno e che questi le aveva chiesto di agevolare alcuni colloqui investigativi tra mafiosi detenuti e il Ross e se c’erano impedimenti a che la procura generale rilasciasse il passaporto a Vito Ciancimino”.

Anche questo secondo racconto della Ferraro fece adirare l’ex ministro che disapprovava l’indipendenza del Ros e riteneva Ciancimino “una delle menti più raffinate di Cosa nostra. Dare credibilità a Ciancimino per cercare di catturare latitanti era un delirio. Per questo chiamai l’allora procuratore generale di Palermo Bruno Siclari esprimendogli la mia contrarietà alla storia del passaporto”.

MARTELLI E DELFINO. Il generale dei carabinieri Francesco Delfino, nell’estate del ’92, vedendomi preoccupato, mi disse che dovevo stare tranquillo perché mi avrebbero fatto un bel regalo di Natale ed aggiunse che Riina me lo avrebbero portato loro”. Lo ha detto l’ex guardasigilli. All’epoca del dialogo con Delfino, che era comandante della Regione dei carabinieri in Piemonte, Riina era latitante e sarebbe stato arrestato dopo pochi mesi. “Lì per lì – ha aggiunto Martelli – mi parve solo un auspicio”.

STOCCATA A MORI E DE DONNO. “Non ho mai pensato che Mori e De Donno fossero dei felloni, ma che agissero di testa loro. Che avessero una sorta di presunzione o orgoglio esagerato”. Lo ha detto l’ex ministro della Giustizia Claudio Martelli deponendo al processo al generale dell’Arma Mario Mori.

“Sono convinto – ha aggiunto durante il controesame dei legali dell’imputato – che lo scopo del Ros, fermare le stragi, fosse virtuoso ma che il metodo usato, contattare Ciancimino senza informare l’autorità giudiziaria, fosse inaccettabile”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy