MAFIA. IL VICE DEL BOSS PROVENZANO CONFERMA ESISTENZA “TRATTATIVA”

Conferma l’esistenza della trattativa tra Stato e mafia, ne colloca l’avvio tra la strage di Capaci e quella di via D’Amelio, parla del papello e dei rapporti tra Vito e Massimo Ciancimino e il boss Bernardo Provenzano: sono le rivelazioni dell’ex geometra dell’Anas Pino Lipari, consigliori del padrino corleonese condannato per mafia, depositate agli atti del processo al generale dei carabinieri Mario Mori, imputato di favoreggiamento aggravato a Cosa nostra.
Lipari è stato sentito dai pm Nino Di Matteo e Antonio Ingroia il 17 luglio del 2009. Ai magistrati ha raccontato quanto già riferito alla Procura di Palermo nel 2002, epoca in cui intraprese una sorta di collaborazione con la giustizia. Un tentativo naufragato dopo che i magistrati scoprirono che l’ex geometra riferiva i contenuti degli interrogatori alla figlia durante i colloqui in carcere e che stava tentando una sorta di depistaggio delle indagini.
Agli inquirenti sostanzialmente Lipari ha riferito di avere saputo dal medico mafioso Antonino Cinà del papello, il documento con le richieste del boss Totò Riina allo Stato. “Mi disse – ha detto ai pm – che erano le richieste per far finire le stragi. Cinà mi disse che l’aveva avuto da Riina, non so chi l’avesse compilato. C’era scritto di limitare gli ergastoli, il 41 bis, il sequestro dei beni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy