PARTINICO. RIFONDAZIONE COMUNISTA SU EMERGENZA RIFIUTI

“Siamo di fronte ad una crisi gravissima delle strutture sanitarie e soprattutto della politica ambientale che vede i Sindaci soci dell’Ato rifiuti Palermo 1, parlare ciascuno un linguaggio diverso dall’altro a dimostrazione dello stato confusionale in cui sono precipitati per non avere avuto il coraggio di decidere con determinazione nel procedere già da tempo, allo scioglimento della Società e alla costruzione di un nuovo soggetto gestionale che riaffidi ai Comuni o ai loro Consorzi la gestione diretta della raccolta e dello smaltimenti di rifiuti.”
E’ quanto afferma in una nota il Partito della rifondazione Comunista di Partinico. “In questa vicenda, come sempre, a pagare non sono solo le popolazioni vessate da esose richieste di pagamento di tariffe,ma anche quei lavoratori dei Comuni transitati nella Società Servizi Integrati e quelli assunti dalle società interinali . “
“Gravissime le responsabilità del Sindaco di Partinico – si legge nella nota- che ha violato l’impegno assunto con il nostro Consiglio comunale che nella seduta del 19 novembre 2009 ,all’unanimità ,aveva decisione la rescissine del contratto con la Società di gestione . Un atto di impegno e di serietà – concludono i Comunisti di Partinico – cui ha voluto mancare per ragioni mai esplicitate all’opinione pubblica .”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy