CARINI. PROSEGUE MOBILITAZIONE DIPENDENTI ITALTEL

Martedì 30 Marzo i lavoratori dell’ Italtel di Carini, ancora una volta scenderanno in piazza per FERMARE la MANO dell’Italtel e per chiedere alle forze politiche, al Governo regionale e a quello nazionale di intervenire, con delle scelte di politica industriale in direzione di un rilancio del settore delle Telecomunicazioni, cui anche Italtel possa trovare delle opportunità. Il corteo partirà alle 09:30 da Piazza Marina e raggiungerà, attraverso Corso Vittorio Emanuele, la sede dell’ARS dove si effettuerà un sit-in. Sin da quando, l’8 gennaio scorso, Italtel ha annunciato 400 nuovi esuberi che si sommano ai 450 del biennio 2009/2010, i lavoratori si sono mobilitati per cercare soluzione al problema. Il 4 febbraio scorso c’è stata la convocazione al Ministero dello Sviluppo Economico con il vice ministro con delega alle Comunicazioni, on. Romani. In realtà gli impegni che sono stati assunti in quella sede sono stati decisamente vaghi, tant’è che a distanza di oltre un mesi nulla è accaduto. Hanno incontrato i parlamentari regionali, la commissione attività produttive e anche l’assessore Venturi. La sensibilità al problema da parte degli esponenti politici, la lotta e l’impegno dei lavoratori, hanno prodotto l’attivazione di un tavolo tecnico che, si spera, produca dei risultati positivi. Italtel, lo scorso febbraio ha avviato la procedura di CIGS per 400 lavoratori del gruppo, di cui 60 del sito di Carini. A giorni anche i lavoratori dello stabilimento di Carini entreranno a far parte del popolo dei presidi dei cassaintegrati, perché è scaduta la procedura della CIGS ed entro il 1 aprile arriveranno 400 lettere di Cassa integrazione a zero ore per 12 mesi per altrettante persone. I lavoratori Italtel auspicano una soluzione in tempi rapidi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy