BALESTRATE. NASCE “MARINA NAVIGANDO SRL”: GESTIRÀ IL PORTO – Tele Occidente

Tele Occidente

SITO IN MANUTENZIONE

BALESTRATE. NASCE “MARINA NAVIGANDO SRL”: GESTIRÀ IL PORTO

Nasce Marina di Balestrate Navigando Srl, la società che gestirà il porto di Balestrate per i prossimi 20 anni. Costituita il 3 novembre e iscritta al registro delle imprese otto giorni dopo, la società è formata in maggior parte da Italia Navigando, che è l’ente pubblico e da due soggetti privati, Marina di Villa Igiea e Motomar. I tre infatti hanno partecipato alla gara d’appalto per la gestione del porto in associazione temporanea d’impresa impegnandosi a costituire una società nel caso di vittoria. Ne da notizia il blog paese notizie.
Il consiglio di amministrazione è presieduto da Antonio Di Monte, esperto in attività portuale ed è composto da Francesco Baldassarri, da Massimo Marcozzi, già amministratore delegato di Adnkronos, il gruppo editoriale il cui nome è legato alla nota agenzia di stampa, da Giuseppe Todaro, l’imprenditore di Carini che si è ribellato al pizzo e che vive sotto scorta e da Tommaso Cocchia, il direttore marketing che fa capo a Sviluppo Italia.
La società che gestirà il porto avrebbe già effettuato un sopralluogo nella struttura per accertarne le condizioni e secondo quanto riportato in una relazione sarebbero emersi diversi “danni” per un valore che supererebbe il milione di euro. Si tratterebbe non solo di danni “visibili”, come pavimentazione rovinata e colonnine divelte, ma il problema più grande sarebbe invece legato a un presunto insabbiamento dei fondali, la cui profondità all’interno del porto non rispetta la misura necessaria all’ingresso delle imbarcazioni. Ma quello dell’insabbiamento è un problema “vecchio”: più volte i pescatori locali raccontano che windsurf entrati al porto hanno sbattuto il timone sul fondale e si sono ribaltati perchè la profondità non rispettava le giuste misure. Bisognerà capire come sono stati eseguiti i lavori, con quali modalità.
Resta il fatto che la cifra è consistente e che la società che gestirà il porto dovrà eseguire dei lavori il cui costo non è chiaro da chi sarà rimborsato. Ma se i problemi non si risolveranno entro dicembre, il rischio è che anche la prossima estate la gestione potrebbe saltare.
Il tutto ovviamente in attesa che riprendano i lavori alla strada d’accesso, interrotti da tempo per problemi con la progettazione, che sta per subire una variazione. E quando la strada sarà terminata, bisognerà forse fare un’altra gara d’appalto per realizzare l’ultimo miglio che conduce al porto, perchè la strada d’accesso al porto non ci arriva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.