PARTINICO. RIFONDAZIONE CONDIVIDE IL DIBATTITO SULLA CRISI VITIVINICOLA – Tele Occidente

Tele Occidente

SITO IN MANUTENZIONE

PARTINICO. RIFONDAZIONE CONDIVIDE IL DIBATTITO SULLA CRISI VITIVINICOLA

Condividono l’iniziativa dei consiglieri Pietro Di Trapani e Diego Campione, il partito della Rifondazione Comunista di Partinico – Sezione Peppino Impastato, di convocare presso la Cantina Borbonica i presidenti dei consigli comunali della zona per discutere della crisi vitivinicola che – si legge in un comunicato stampa – “impoverisce i produttori ma arricchisce cantine e soprattutto le distillerie”.

Secondo la sezione locale di Rifondazione ci sono altri problemi legati alla crisi, che riguardano i paesi di Partinico, Trappeto e Balestrate, e tra questi quello dell’acqua dell’invaso Poma che di fatto – scrive Rifondazione – è divenuto
serbatoio per l’approvvigionamento della città di Palermo ed arricchimento per il carrozzone AMAP
“Il nostro Partito – scrivono i comunisti – è parte di un Comitato che si è costituito anche con coltivatori di Trappeto con lo scopo di salvare l’acqua dell’invaso, restituire un ruolo alla Cooperativa Consorzio irriguo Jato e soprattutto denunciare con forza l’inefficienza del carrozzone elettorale e mangiasoldi che si chiama Consorzio di Bonifica Palermo 2 che rappresenta un vero e proprio ostacolo per lo sviluppo della nostra agricoltura.

Né , con l’occasione, – continua Rifondazione comunista – ci possiamo esimere dal denunciare ,ai lavori di ieri , l’assenza dell’Amministrazione Lo Biundo che continua a non volere ricostituire l’Assessorato specifico all’Agricoltura, e presente all’incontro soltanto il consigliere Pino Giovia.
Ad ogni buon conto siamo dell’avviso che l’iniziativa con tutti i rappresentanti dei Consigli comunali che ieri i Presidenti dei Consigli hanno convenuto di convocare a breve nei locali della Cantina, debba diventare – conclude Rifondazione – l’occasione per un’assemblea generale non solo di Consiglieri comunali ma delle organizzazioni di categoria, Partiti politici e soprattutto coltivatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.