MAFIA. VITALE JR. E COGNATO MESSINEO INDAGATI PER FURTO – Tele Occidente

Tele Occidente

SITO IN MANUTENZIONE

MAFIA. VITALE JR. E COGNATO MESSINEO INDAGATI PER FURTO

Il figlio del boss di Partinico Vito Vitale e’ indagato assieme al cognato del procuratore di Palermo Francesco Messineo. Leonardo Vitale junior, secondo la ricostruzione dei carabinieri del Gruppo di Monreale, ha rubato un trattore poi ceduto a Sergio Sacco, fratello della moglie del capo della Direzione distrettuale antimafia: il primo risponde di furto, il secondo di ricettazione. E’ emerso a margine di un’inchiesta antimafia, che ha consentito ai militari di ricostruire il legame tra Vitale, figlio e nipote di due pluriergastolani della famiglia cosiddetta dei “Fardazza”, e l’imprenditore Sergio Maria Sacco, gia’ piu’ volte indagato, in passato, per i suoi presunti legami con Cosa Nostra, e sempre assolto o destinatario di archiviazioni. L’indagine su Vitale jr è partita da Partinico ed è arrivata nel giro di poche settimane all’imprenditore Sacco. Gli investigatori erano sulle tracce di alcuni ladri di automezzi industriali e agricoli e hanno scoperto che Vitale avrebbe fatto custodire da Sacco un trattore rubato. I militari hanno allora perquisito in capannone nei pressi della villa dove vive l’imprenditore. A casa sua però non sono state trovate le chiavi ma i militari sono comunque convinti – in base anche ad altri elementi- che quel trattore fosse nella disponibilità dell’imprenditore, titolare dell’industria produttrice di sacchetti “Saccoplast”. L’inchiesta, sulla quale Messineo si e’ astenuto cedendone la gestione al procuratore di Caltanissetta Sergio Lari, verteva su altro, ma in questo ambito era stato scoperto il furto del trattore, avvenuto all’inizio dell’estate, mentre ancora non si erano spenti gli echi delle polemiche su Sacco, che a Palermo e’ indagato anche per fittizia intestazione di beni di un mafioso. Cio’ nonostante, secondo quanto si e’ appreso, l’imprenditore non avrebbe smesso di intrattenere contatti con personaggi considerati vicini a Cosa Nostra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.