BORGETTO. TENTATO OMICIDIO NELLE CAMPAGNE DI ROMITELLO – Tele Occidente

Tele Occidente

SITO IN MANUTENZIONE

BORGETTO. TENTATO OMICIDIO NELLE CAMPAGNE DI ROMITELLO

Un allevatore è riuscito a sfuggire ad un agguato nel palermitano. Si trovava a bordo di un fuoristrada insieme alla moglie. E’ accaduto, ieri sera, intorno alle 20, in località Romitello, a Borgetto (Pa), dove alcuni colpi di fucile, caricato a pallettoni, sono stati esplosi contro un Mitsubishi Pajero, condotto da Francesco Frisina, 51 anni del luogo, con a bordo la moglie Rita Mattina, 37 anni, casalinga. I due coniugi, dopo avere trascorso il pomeriggio nella loro abitazione di campagna, stavano facendo rientro a casa e sono stati raggiunti da una raffica di piombo mentre percorrevano una stradella interpoderale. Cosi’ hanno tentato una disperata fuga e, dopo avere travolto un cancello, sono riusciti a dileguarsi frettolosamente, allontanandosi dalla linea di tiro degli attentatori rimasti nascosti tra la vegetazione. Contrada Romitello, si trova in collina ed è la parte più alta del paese. Marito e moglie, dopo essere stati investiti da almeno due scariche di pallettoni che hanno colpito il fuoristrada sul lato guidatore e precisamente nella portiera e nel parabrezza, avendo percorso la stradella interpoderale per qualche chilometro, hanno abbandonato il mezzo, riuscendo poi a raggiungere Borgetto, a piedi. Giunti in paese hanno informato i carabinieri. Entrambi non hanno riportato alcuna ferita. Sul posto sono intervenuti i militari della Compagnia di Partinico, del Nucleo Investigativo Gruppo di Monreale e della Sezione Investiga Scientifiche del Comando Provinciale di Palermo. Il mezzo su cui viaggiava la coppia, è stato sottoposto a sequestro, per effettuare ulteriori accertamenti balistici a cura del personale della scientifica dell’Arma. Gli investigatori, che non escludono nessuna pista e che indagano a 360 gradi, per tutta la notte hanno interrogato marito e moglie. Francesco Frisina gia’ in passato era stato oggetto di altri tre attentati a colpi d’arma da fuoco. Sotto la raffica degli spari, in uno di questi agguati, morì la sorella Maria Frisina, allevatrice di pecore di 45 anni, assassinata la notte dell’11 maggio 1995 in contrada Platti, sempre a Romitello. I due fratelli, su una Fiat Ritmo, stavano tornando in paese dalla loro masseria. Dopo l’agguato Francesco Frisina é riuscito a fuggire illeso e ha avvertito i carabinieri. Francesco Frisina, nel corso degli interrogatori, non ha fornito alcun elemento utile al fine di individuare eventuali responsabili, nè motivi rilevanti, indispensabili ai fini investigativi, Ha solo riferito che in questo caso, ha sentito almeno quattro spari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.