Home » notizie

Regione. Il piano del governo per i precari: assunzioni part time

4 maggio 2013 - 11:03 di redazione

La giunta regionale guidata da Rosario Crocetta ha predisposto un nuovo piano per i lavoratori precari in servizio nei comuni siciliani. Il governo punta a dare un impiego part time, stabile, ma pagato meno. Il loro contratto scade il 31 luglio e il governatore chiede aiuto allo Stato per attuare la proposta. L’assessore all’economia Luca Bianchi è già a Roma per trattare con il governo Letta, dove incontrerà fra gli altri il ministro alla pubblica amministrazione Giampiero D’Alia e il sottosegretario Gianfranco Miccichè. Il piano prevede un impiego per tutti i 18,000 precari che lavoreranno per 18 ore a settimana invece che 24. E i comuni dovrebbero fare delle piante organiche individuando i vuoti da ricoprire. L’obiettivo del governo Crocetta è quello di ottenere la proroga fino a fine anno, e nel frattempo studiare la stabilizzazione nel giro di tre anni.
Intanto, si potrebbe abbattere una tegola sull’Assemblea Regionale che nei giorni scorsi ha approvato in finanziaria la cosiddetta “Tabella H”, ovvero l’elenco dei 137 enti a cui sono stati assegnati contributi a pioggia per un totale 25 milioni di euro.
Il Commissario dello Stato Carmelo Aronica, avrebbe chiesto chiarimenti sui criteri di assegnazione dei finanziamenti e si pronuncerà la prossima settimana.


---------------------------------------------------------------
Lascia il tuo commento
ATTENZIONE Ogni articolo può essere commentato liberamente dai visitatori del sito, senza necessità di registrazione. I commenti rappresentano il personale punto di vista dell’autore. Il sistema memorizza l’indirizzo IP che serve ad identificare il dispositivo dal quale è stato inviato il commento. Tali dati non vengono divulgati a terzi, ma solo alle autorità competenti in caso di violazioni. La redazione di Tele Occidente si riserva la facoltà di approvare i commenti rilasciati dagli utenti. Un commento non sarà pubblicato quando: - istighi all’odio o alla violenza, sia lesivo nei confronti di persone, istituzioni, aziende, religioni - possa arrecare danno a minori di età - contenga dati personali di terzi - utilizzi impropriamente il mezzo per promuovere o pubblicizzare attività commerciali. Se lasci un commento, dichiari di accettare queste condizioni.