Lun. Dic 9th, 2019

San Giuseppe Jato, oggi vertice sulla viabilità, in campo un comitato

«Viabilità e sicurezza». Si terrà questo pomeriggio, alle 17.30, nell’aula consiliare, l’incont ro promosso dal Comitato civico intercomunale «Valle Jato». L’obiettivo è sollecitare interventi sulle strade provinciali del territorio, che versano in condizioni fatiscenti. All’incontro prenderà parte l’ingegnere Salvatore Pampalone, capo dell’Ufficio tecnico della Città Metropolitana di Palermo, tra le cui competenze ricade la viabilità provinciale. All’iniziativa sono stati inviatati i sindaci e parlamentari nazionali e regionali del territorio. Tra le proposte avanzate dal comitato civico c’è la trasformazione delle strade provinciali Sp 2 e Sp 4 in arterie statale. «Collegherebbero – spiega Totò Alamia, componente del comitato – altre tre importanti strade statali: la 118 Corleonese Agrigentina con la 624 Palermo-Sciacca e con la 186 Palermo-Partinico». A guidare il Comitato civico intercomunale è Gioacchino Lo Giudice. Sulla Sp2 che collega San Cipirello a Partinico è già previsto uno stanziamento di 500 mila euro per rifare l’asfalto colabrodo. Il progetto esecutivo per il potenziamento della sicurezza stradale è pronto ed è stato inserito nel programma triennale dei lavori pubblici della Città Metropolitana. Il decreto di approvazione è stato firmato dal sindaco Leoluca Orlando. L’intervento prevede la sostituzione dell’asfalto in circa metà del percorso. In particolare, tra il rettilineo di «Fellamonica» e San Cipirello, particolarmente danneggiato e pericoloso da perco r re re . Un tratto di circa sette chilometri dove la viabilità è resa precaria da una pavimentazione irregolare, causa di incidenti anche gravi. Sulla Sp 2 è inoltre previsto anche un altro intervento da un milione e 500 mila euro finanziato dalla Regione siciliana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.