Gio. Ott 17th, 2019

San Giuseppe Jato, dopo la lite spara ai vicini con pistola ad aria compressa,tre arresti

Lite tra vicini di casa rischia di finire in tragedia. Due feriti e tre arrestati in attesa di convalida. È successo in via Anime Sante, dove però ieri mattina gli animi si sono invece decisamente surriscaldati. Protagonisti della lite finiti a colpi pistola ad aria compressa due nuclei familiari da tempo in contrasto tra loro. A far scaturire l’ennesimo litigio domenicale sembra siano stati la musica ad alto volume e l’abbaiare dei cani di uno dei due gruppi familiari. Di qui la protesta di due coniugi, vicini di casa, che hanno riportato ferite. Dalle parole, infatti, si è presto passati ai fatti. Secondo la ricostruzione di alcuni vicini, dopo il rimprovero sembra siano seguiti insulti e allusioni di carattere sessuale. Fino ad arrivare allo scontro fisico, culminato con dei colpi di pistola ad area compressa. È così scattato l’allarme al 112 e sul posto sono intervenuti i carabinieri della locale stazione insieme ai colleghi di San Cipirello. Necessario anche l’intervento dei paramedici del 118. La donna che aveva protestato per i continui schiamazzi ha riportato, infatti, una ferita al volto ed è stata traspor tata al pronto soccorso dell’ospedale Civico di Palermo. Il marito, che presentava una lieve ferita ad un braccio, è stato medicato presso l’ambulatorio della locale guardia medica. Riportata la calma, i carabinieri hanno avviato le indagini e sentito alcuni testimoni. È stata inoltre eseguita una perquisizione domiciliare nell’abitazione della donna che ha impugnato la pistola e ha sparato i colpi. Dentro è stato così ritrovato e sequestrato un piccolo arsenale domestico: un fucile ed una pistola ad aria compressa, una balestra con frecce e un taser, la pistola che «spara» scariche elettriche. Prima di entrare nell’abitazione, è stato necessario allontanare due cani, affidati temporaneamente alla protezione civile. Sembra che da tempo nel quartiere si registrassero tensioni e proteste per la difficile convivenza con uno dei nuclei familiari più «esuberanti». «Siamo stanchi – racconta una vicina -. I nostri figli non possono più giocare nel quartiere per strada e con le bici». Un rapporto di vicinato difficile, fatto finora di ripicche e denunce. Ma che ieri è culminato con degli spari che potevano sortire effetti ben più gravi. I pallini scaricati da distanza ravvicinata potevano arrecare lesioni maggiori. Per questo sono stati sono stati arrestati due donne, per tentato omicidio ed un uomo, protagonisti   della rissa in strada.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.