Lun. Ago 19th, 2019

Regione, la Torre Pozzillo di Cinisi messa all’asta

La Torre Pozzillo di Cinisi figura nell’elenCo dei 22 ruderi sulle spiagge che la Regione Siciliana ha messo all’asta.  Immobili che i privati possono restaurare e trasformare in ristoranti, lidi ed altre strutture turistiche pagando un canone annuo. È il secondo step di un piano scattato lo scorso mese di gennaio e che è appena arrivato all’assegnazione dei primi lotti. Nel nuovo bando la Regione offre il pontile di Romagnolo a Palermo per il quale chiede un minimo di 7.516 euro all’anno di canone e l’ex Agrumaria Corleone per cui la base d’asta è fissata a 58.552 euro annui. Nel bando anche l’ex lido Olivella a Santa Flavia che vale per l’assessorato al Territorio guidato da Toto Cordaro almeno 65.393 euro all’anno. E ancora il provvedimento punta ad assegnare ai privati Torre Pozzillo a Cinisi, l’ex arena Grasso a Termini Imerese, due ex depositi nel porto a Pantelleria e un magazzino a punta della Croce, una porzione di Torre San Toedoro a Marsala, l’ex faro San Leone a Pantelleria. Il piano ha suscitato grande interesse malgrado il primo bando abbia ottenuto risultati altalenanti. Dei primi 18 immobili messi all’asta solo 9 sono stati realmente assegnati. Le offerte arrivate erano state 30 per 14 immobili mentre per altri 4 ruderi nessuno si era fatto. Tutti gli immobili non assegnati nella prima fase sono stati reinseriti nel secondo bando.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copyright © Tele Occidente - Riproduzione riservata | Newsphere by AF themes.