Mar. Ott 22nd, 2019

Partinico, l’ultimo saluto al piccolo Anthony Provenzano (Video)

Lacrime e commozione, ieri pomeriggio a Partinico, nel giorno del lutto cittadino,  ai funerali del piccolo Antonino Provenzano, il bambino di 9 anni, morto mercoledì sera,  a seguito all’incidente stradale in cui è rimasto coinvolto,  la notte del 12 Luglio scorso,  e nel quale aveva già perso la vita il fratello tredicenne Francesco. Un lungo applauso ha accolto la bara bianca all’ingresso della chiesa di San Paolino, nel quartiere in cui viveva, seguita dalla mamma Cristina, straziata dal  dolore e sorretta dal figlio maggiore, mentre teneva in mano un palloncino bianco. Toccante l’omelia dell’Arcivescovo di Monreale Mons. Michele Pennisi che, ha celebrato i funerali, invocando giustizia e richiamato gli adulti a prestare la massima attenzione quando si è alla guida di veicoli, soprattutto se si ha la responsabilità di altre vite. Rosa Settimo, una delle maestre del bimbo e tre compagni della sua classe, la 4^ elementare della Casa del Fanciullo, sono saliti sull’altare per raccontare i toccanti ricordi condivisi con il piccolo Anthony. Terminata la celebrazione religiosa, il piccolo feretro è stato portato fuori dalla chiesa e condotto, con al seguito un lungo corteo, nella necropoli cittadina. Lungo il percorso, foto dei due fratellini tragicamente scomparsi tappezzavano diverse strade del rione, mentre alcuni bambini hanno indossato delle magliette con su scritto “Anthony rimarrai nei nostri cuori”.  Intanto restano stazionarie le condizioni di Fabio Provenzano, 34 anni, papà dei due fratellini, che il 12 luglio scorso era alla guida dell’auto che si è schiantata lungo l’A29, all’altezza dello svincolo per Alcamo Est.  L’uomo, che resta ricoverato in coma farmacologico al trauma center dell’ospedale Villa Sofia di Palermo, è indagato per omicidio stradale con l’aggravante di aver fatto uso di sostanze stupefacenti .

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.