Dom. Dic 8th, 2019

Montelepre, sfilata e accensione simbolica della fiamma dei Giochi di Rione

Con la sfilata di tutte le squadre,  è iniziata ufficialmente,  ieri pomeriggio,  la stagione dei Giochi di Rione a Montelepre. Un’iniziativa promossa e patrocinata dal Comune. Il corteo guidato dal sindaco Maria Rita Crisci è stato accompagnato dalla Banda Musicale Amadeus e da circa 500 persone che compongono le squadre dei rioni Vadduni, Matrice, Flora e Vutata o Mulino.  In piazza Ventimiglia è stata accesa dal primo cittadino la fiamma dei Giochi, allestita dagli “Armiggiusi”. A seguire , squadre di uomini e di donne, hanno poi giocato in centro al Tiro alla Fune e alla Ginkana Spassusa. Suggestiva è stata la sfida del Lancio dell’Uovo che si è svolta alla scalinata del vicolo Candela. Per l’Amministrazione comunale di Montelepre i Giochi di Rione sono anche un modo per ripopolare e tenere vive alcune aree più antiche del paese. In serata al parco urbano,  i Rioni hanno affrontato la sfida del “Mancia ca ti Passa” mangiando 750g di maccheroni al sugo ciascuno nel minore tempo possibile e del “Melone Imboccato” mangiando un quarto di melone ciascuno.  Oggi al Parco Urbano di Montelepre, a partire dalle ore 18.30 si giocherà a Ping Pong, Freccette, Scopone, Briscola a Coppia e Calcio Balilla e Bocce. Intanto, tornerà di nuovo in funzione, dopo diversi anni,  il campo di bocce che si trova all’interno del parco urbano di Montelepre.   Il campo è stato ripristinato grazie ad un intervento da parte del Comune, con l’acquisto della nuova sabbia e di nuove bocce e, con  l’ausilio degli operai dell’ente locale e di alcuni volontari, come il Consigliere Marco Giuliano e Vincenzo Norvese.  “i Giochi di Rione – afferma il sindaco Maria Rita Crisci – stanno creando a Montelepre grande partecipazione, grande senso di aggregazione, ma anche grande senso di appartenenza. Ci sono più di 500 giocatori iscritti ai diversi giochi e la gente che collabora è davvero tantissima. Siamo felici del risultato che stiamo ottenendo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.