Mer. Nov 13th, 2019

Partinico, arrivano 5 mln di € per rifare il look al centro storico

Il Comune di Partinico ha  ottenuto dal ministero dei Beni culturali e dall’Unione Europea  un finanziamento di quasi 5 milioni e 400 mila euro   per eseguire il rifacimento del centro storico. Si tratta di  un vecchio progetto nato negli anni ’90 con l’allora sindaco Enza Maria Romano e successivamente affossato perché non venne portato avanti nei primi anni 2000 con la presentazione del piano esecutivo quando arrivò la possibilità di agganciare i fondi Europei.    «Ho già avuto un incontro alla Regione con i funzionari – afferma il vicesindaco Mauro Lo Baido -: sarà necessario a stretto giro di posta presentare il progetto aggiornato con i prezzi di mercato vigenti. Questa amministrazione – prosegue Lo Baido – sin dal suo insediamento ha lavorato per raggiungere questo obiettivo ed oggi se ne raccolgono i frutti». Superato anche l’ostacolo del co-finanziamento del 10 per cento che in passato era necessario per poter ottenere i fondi dell’Unione Europea: «Non sarà necessario alcun co-finanziamento» assicura Lo Baido. Ciò permetterà a questo punto di poter preservare i circa 400 mila euro che erano stati a suo tempo stanziati, grazie ad una devoluzione di mutui degli anni passati su iniziativa dell’allora sindaco Salvo Lo Biundo. «Mi interfaccerò con gli uffici della Ragioneria – aggiunge il vicesindaco – per verificare il da farsi sotto questo aspetto. Si valuterà lo svincolo di queste somme e la loro eventuale nuova finalità». Questo progetto prevede il completamento del rifacimento del centro storico, nel tratto centrale e più importante del cuore cittadino di corso dei Mille, quello che va dall’altezza della chiesa di San Giuseppe sino a piazza Garibaldi, e riguarda il ripristino delle basole in marmo pregiato e l’installazione delle panchine e dell’impianto di illuminazione artistici. Si parla di completamento in quanto già un altro stralcio del centro storico è stato realizzato nelle vie Tenente La Fata, Principe Amedeo e Francesco Crispi. Progettista originario Santino Aiello che esulta per quello che appare un epilogo felice di un lunghissimo e travagliato iter: «Credo che se oggi si raggiunge questo obbiettivo – afferma – un ringraziamento va fatto al sottoscritto che con caparbietà è andato avanti ad oltranza, sollecitando l’allora commissario straordinario del Comune Maurizio Agnese e poi gli uffici affinché rispondessero alla richiesta dell’assessorato regionale della disponibilità a rivedere il progetto di rifacimento del centro storico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.