Dom. Set 15th, 2019

Isola delle Femmine, la vigilessa aggredita: “grazie a tutti per la vicinanza”

“Voglio ringraziare il Sindaco Stefano Bologna, l’ Amministrazione, il Comandante Antonio Croce, il segretario comunale Ernesto Amaducci e tutti i colleghi del Corpo di Polizia Municipale, il Gruppo di opposizione, le forze dell’ordine, i colleghi amministrativi e tutti ma proprio tutti coloro che in questi giorni hanno manifestato in ogni modo, affetto, vicinanza e solidarietà”.

Susanna Provenza, la vigilessa aggredita da due minorenni, mercoledì pomeriggio al Comando di Polizia Municipale di Isola delle Femmine, risponde così ai tanti messaggi ricevuti in questi giorni difficili.

“Mi scuso con coloro – continua la vigilessa – a cui non sono riuscita a rispondere direttamente, non perché volevo mancare di rispetto ma vi lascio immaginare il momento particolare che sto attraversando. Mi avete veramente commosso!”.

La donna sarebbe stata aggredita mentre svolgeva il suo lavoro, da due ragazzini di 14 e 16 anni che, accompagnati dalla madre, chiedevano di visionare le immagini di videosorveglianza di una telecamera per scoprire il pirata della strada che avrebbe ucciso il loro cane. La Provenza avrebbe spiegato che sulla via in questione non c’è nessuna telecamera installata e in ogni caso per per acquisire le immagini sarebbe stata necessaria l’autorizzazione da parte delle autorità competenti.

Da questa risposta sarebbe poi scattata l’aggressione ed è stato necessario l’intervento dei colleghi per fermare i due minori, denunciati poi per lesioni e resistenza a pubblico ufficiale.

“Ciò che mi è successo fa parte dei rischi di chi indossa una divisa – conclude Susanna Provenza – divisa che indosso con rispetto e non con arroganza, per rendere servizio alla comunità di Isola delle Femmine che amo, rispetto e a cui da domani daro’ maggiore attenzione perché non merita affatto che episodi di questo genere possano far scendere un’ombra su questa meravigliosa terra.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.