Sab. Ott 19th, 2019

Corleone, precarie condizioni Sp4, minoranza consiliare avvia le diffide

Il primo firmatario della diffida al Sindaco di Palermo Leoluca Orlando di adempiere alle sue funzioni di responsabile istituzionale e politico della SP4, è il capogruppo di minoranza Maurizio Pascucci, del Movimento 5 stelle di Corleone che, con i cittadini, in forma associata e singola, si sta organizzando per la raccolta firme che poi porterà ad avviare una class action.
“Il Sindaco di Palermo – dichiara Pascucci – in qualità di rappresentante della Città Metropolitana ha la responsabilità politica di questa grave situazione. Ha il dovere di esercitare le funzioni previste dal Codice della strada. Da molti mesi ci sono oltre 4 milioni di euro fermi nelle casse della Città Metropolitana”.
Il gruppo di minoranza del Comune di Corleone aveva annunciato qualche settimana fa di voler presentare una class action nei confronti di Anas per le condizioni in cui versa la Statale 118 della Città metropolitana di Palermo e della Regione per la Provinciale 4. La strada provinciale collega San Cipirello a Corleone ed è una strada pericolosa e difficilmente transitabile a causa del manto stradale ormai completamente distrutto. La situazione attuale della SP4, come già da tanti anni, è disastrosa e risulta oltre che quasi intransitabile anche molto pericolosa per tratti di strada assenti e franati. Oltre all’assenza di segnaletica orizzontale e verticale.
“Qualsiasi ipotesi di sviluppo economico e turistico – afferma Pascucci – oltre al consolidamento di economia legata nell’ambito agricolo è bloccata dalla mancanza di viabilità. L’accesso ai servizi sanitari presenti nell’Ospedale di Partinico è negato. Chi quotidianamente utilizza questa strada provinciale per motivi di lavoro è soggetto a pericoli imminenti e sempre più gravi oltre a farlo a proprio rischio in quanto una strada chiusa non ha copertura assicurativa”.

Qualsiasi ipotesi di sviluppo economico e turistico – afferma Pascucci – oltre al consolidamento di economia legata nell’ambito agricolo è bloccata dalla mancanza di viabilità. L’accesso ai servizi sanitari presenti nell’Ospedale di Partinico è negato. Chi quotidianamente utilizza questa strada provinciale per motivi di lavoro è soggetto a pericoli imminenti e sempre più gravi oltre a farlo a proprio rischio in quanto una strada chiusa non ha copertura assicurativa”.

“Siamo convinti – aggiunge – che la scelta dell’attuale Giunta Comunale di collaborare alla progettazione della strada con tecnici comunali sia un grave errore di competenza, di utilizzo di professionalità e denaro pubblico da destinare alle esigenze del Comune di Corleone. La Città Metropolitana di Palermo ha il dovere di effettuare la progettazione della ristrutturazione della Sp4 e quanto prima di utilizzare le risorse economiche che detiene nelle proprie casse da molti mesi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.