Ven. Ago 23rd, 2019

Corleone, “Le Iene” a Parigi per chiedere il pizzo alla figlia di Totò Riina (Video)

Le Iene a Parigi con una particolare missione, chiedere il pizzo alla figlia di Totò Riina, Lucia che, nella capitale francese, insieme al marito Vincenzo Bellomo, ha aperto il ristorante “Corleone”. Un nome che, richiama il paese in cui è nato il Capo dei Capi e, quindi, l’immaginario malavitoso della Sicilia. Una scelta molto criticata e, al centro di numerose polemiche legate al fatto che, la figlia del boss indiscusso di Cosa Nostra, ormai passato all’altra vita, cerchi di sfruttare il nome del paese di origine per business. Così, la Iena Alessandro Di Sarno è volato a Parigi per inscenare un’esilarante richiesta di pizzo, insieme ad una improbabile gang, proprio alla figlia di Totò Riina, partendo dal presupposto che il padre, avesse accumulato le sue ricchezze proprio con il sistema dei taglieggiamenti a commercianti ed imprese. Ma questa richiesta non è stata presa bene, nè da Lucia Riina, ripresa dalle telecamere mentre stava dietro la cassa del locale ne, dal marito, Vincenzo Bellomo che, all’inizio sembrano non aver capito, per poi invitare la banda a parlare con il proprietario che, arrivato, ha cacciato le iene fuori dal ristorante. Quando Di Sarno si presenta ufficialmente al titolare del ristorante con il microfono e, Bellomo si rende conto di ciò che era appena accaduto, ha comincia ad inseguire il cameramen per intimargli di spegnere la telecamera, arrivando persino a mordere la mano Di Sarno, per togliergli il microfono poi finito per terra. Una reazione furiosa filmata da altre telecamere e finita in tv.

https://www.mediasetplay.mediaset.it/article/leiene/le-iene-chiedono-il-pizzo-alla-figlia-di-toto-riina_b100000696_a783

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copyright © Tele Occidente - Riproduzione riservata | Newsphere by AF themes.