Gio. Dic 12th, 2019

La Dia notifica la confisca di 200 mln di beni agli eredi di Vincenzo Rappa

Il Centro operativo Dia di Palermo ha dato esecuzione al decreto di confisca emesso dal tribunale di Palermo nei confronti degli eredi dell’imprenditore Vincenzo Rappa, deceduto il 28 marzo del 2009, all’età di 87 anni. Nei giorni scorsi, il collegio presieduto da Raffaele Malizia ha deciso il blocco di un patrimonio che vale 200 milioni di euro, dissequestrando, invece, le società gestite dagli eredi (il figlio Filippo e i nipoti Vincenzo Corrado e Gabriele). Il provvedimento di confisca riguarda quattro società in liquidazione, che operavano nel settore edile, e 183 immobili. In particolare due edifici storici: Palazzo Benso, sede del Tribunale amministrativo regionale, in via Butera e Villa Tagliavia e in via Libertà. Confiscato anche il palazzo che ospita il Consiglio nazionale delle ricerche, in via Ugo La Malfa. La proposta di sequestro era stata avanzata dal direttore della Dia. A rappresentare l’accusa nel procedimento per le misure di prevenzione è stata la sostituta procuratrice Claudia Ferrari. Il tribunale ha ritenuto Rappa senior socialmente pericoloso: “Ha intrattenuto – è scritto nel provvedimento – un rapporto di stretta fiducia con membri di spicco di più articolazioni mafiose, in particolare Raffaele Ganci della Noce, i Madonia, i Galatolo del mandamento di Resuttana, senza contare le relazioni con Sbeglia Salvatore”. Il tribunale ha invece rigettato la misura di prevenzione personale e patrimoniale nei confronti dei fratelli Rappa a cui sono state restituite diverse società: “Rappa Vincenzo Corrado”, Elcan, Telemed, Pubblimed, Kalesa Vega, Museum, Simsider, Sicilia7, Fin Med, Med Group (che gestisce la Nuova sport car), Rafil, Crc e Val di Suro. I giudici precisano che già il nonno Rappa aveva fatto investimenti nel settore televisivo, “ma non può assumersi la sproporzione tra entrate e impieghi, né consta che operando nel settore televisivo, Vincenzo Rappa abbia tratto vantaggi dalle proprie relazioni con Cosa nostra”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.