Mar. Ago 20th, 2019

Confiscati 9 mln di beni a boss dell’Uditore Antonino Maranzano

Imprese, ville e appartamenti tra Palermo e San Vito lo Capo, società immobiliari e conti correnti per un valore complessivo di 9 milioni di euro, sono stati confiscati ad Antonino Maranzano, 78 anni, considerato boss del quartiere Uditore di Palermo. Il provvedimento della sezione Misure di prevenzione è il frutto delle indagini della Questura che oltre a confiscargli i beni, ha disposto nei confronti di MARANZANO l’applicazione della Sorveglianza Speciale di Pubblica Sicurezza, con obbligo di soggiorno nel comune di residenza per Ia durata di tre anni. Nel 2010 Maranzano fu arrestato nel blitz “Mafia e appalti”. Venne fuori la sua figura di imprenditore al servizio dei mafiosi – il sotto capo di Uditore Franco Bonura e Gaetano Sansone che diede ospitalità a Totò Riina – nel settore del controllo degli appalti. Nel 2001 era già stato colpito da una misura di prevenzione, il patrimonio gli era stato sequestrato e poi restituito. C’era sproporzione fra redditi e patrimonio. Sembrava, però, il frutto di “violazione in materia fiscale e previdenziale”. Di lui parlava spesso il capomafia di Pagliarelli, Antonino Rotolo, che convocava i summit in un box di lamiera davanti alla sua villa di viale Michelangelo. Le nuove indagini della polizia, quelle che portarono all’arresto e alla condanna definitiva ad 8 anni e sei mesi, dimostrarono che Maranzano era molto di più di un costruttore spregiudicato. Gli inquirenti lo definirono un boss, specializzato nel controllo degli appalti e del cartello che gestiva, a colpi di pizzo, i lavori in città. Tra i beni che gli sono stati confiscati : la ”Edil Color srl” con sette immobili in via Giuseppe Sunseri e corso Calatafimi, “3G Costruzioni e servizi” che possiede undici appartamenti, un magazzino, cinque cantine, un negozio e un ufficio in via Francesco Speciale, corso Calatafimi e via Evangelista Di Blasi, ed ancora 16 immobili a San Vito Lo Capo, l’“Immobiliare Cld” di Vicolo Infermeria Cappuccini che possiede altri sette immobili in giro per la città. E ancora autocarri, autovetture e diversi titoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copyright © Tele Occidente - Riproduzione riservata | Newsphere by AF themes.