Mar. Lug 16th, 2019

Carini, 11 lavoratori formano cooperativa per rilevare Agrigas ma nessuno risponde

Hanno già formato una cooperativa per prendere in gestione la società Agrigas, nata sulle ceneri di due  aziende confiscate alla mafia. Ma l’Agenzia ai Beni confiscati non  risponde. E’ la denuncia della Filctem Cgil Palermo. “Da agosto bussano alla porta della sede di Palermo – spiega il sindacato -,  mandano richieste con la posta certificata alla direzione nazionale  dell’Agenzia e al presidente del Tribunale, inviano sollecitazioni  alla Prefettura, ma nessuno li convoca”. Ieri una delegazione di  lavoratori, assieme alla Filctem Cgil Palermo, si è recata nella sede  palermitana di via Vann’Antò per chiedere spiegazioni. “Ma anche  questa volta non ci hanno potuti ricevere” dicono gli 11 lavoratori di due imprese dell’area industriale di Carini (Palermo) di produzione e  ingrosso di gas compressi e liquefatti, l’ex Centralgas, appartenuta a Francesco Paolo Bontate, e la Vigorgas serbatoi, poste in liquidazione e assorbite dalla Agrigas con un contratto di affitto stipulato nel  settembre del 2011.
L’Agrigas, dal febbraio scorso, su decisione della Procura della  Repubblica, nel procedimento penale e di sequestro, è seguita  dall’amministratore giudiziario Carlo Catalano. A luglio 2017, il  contratto d’affitto di Agrigas è scaduto. I giudici a ottobre hanno  stabilito che la gestione dell’azienda non era più remunerativa e beni e dipendenti dal primo novembre sono tornati nelle aziende madri. Ma  nel frattempo la Vigorgas è fallita e la Centralgas è in liquidazione. Quattro lavoratori si sono ritrovati così disoccupati e i sette di  Centralgas da novembre stanno in azienda, nella disponibilità del  liquidatore, ma non percepiscono lo stipendio: il sindacato chiede che venga dato loro quantomeno un acconto.
L’Agenzia per i beni confiscati nel frattempo ha presentato un piano industriale per mettere all’asta l’azienda. Da qui la decisione dei dipendenti di avanzare la loro proposta per garantire la continuità dell’attività produttiva. “L’Agenzia ha nominato due coadiutori per predisporre un piano industriale, che è stato consegnato il 28 dicembre per le valutazioni – dicono dal sindacato-. A tutt’oggi questo piano non è mai stato mostrato ai sindacati e non sappiamo cosa contiene. I lavoratori si sono organizzati in cooperativa e hanno comunicato a dicembre la disponibilità alla gestione. Hanno maturato una lunga esperienza, nessuno meglio di loro potrebbe subentrare alla guida dell’impresa”.
Sulla vicenda interviene la Cgil Palermo. “Davanti a un muro di gomma,come sta accadendo in questo specifico caso, chiediamo che la Prefettura diventi luogo di confronto, come prevede la legge. La costituzione di una cooperativa di lavoratori è un fatto raro e per
questo importante. Merita la dovuta attenzione” dichiarano il segretario generale Cgil Palermo, Enzo Campo.

FONTE siciliainformazioni.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copyright © Tele Occidente - Riproduzione riservata | Newsphere by AF themes.