Ven. Ago 23rd, 2019

Partinico, salvata dall’equipe del dott. Provenzano una giovane donna giunta in coma diabetico

Ha rischiato di more, a soli 26 anni, per un coma diabetico. Nel giro 20 minuti, la donna, è stata trsferita con elicottero del 118, dall’spedale di Petralia al nosocomio di Partinico, dove opera il reparto di Diebetologia diretto dal dottore Vincenzo Provenzano che ha subito sospeso tutte le attività di ambulatorio per dedicarsi all’emergenza. I parametri della paziente erano già parecchio critici. Ma il peggio è stato evitato. Quattro ore dopo, la donna ha ripreso conoscenza.

La ventiseienne, mamma di due bambini, fin dalla presa in carico dei sanitari del 118 versava in condizioni disperate e si è potuta salvare solo grazie alla capacità di gestire l’emergenza dei medici del pronto soccorso di Petralia Sottana che non hanno esitato a disporre il trasferimento, mentre provvedevano a stabilizzarla. La grande professionalità e l’esperienza del dottore Provenzano e della sua equipe del centro di riferimento regionale di alta specializzazione, hanno fatto il resto.
Quando la donna si è risvegliata dal coma, nel reparto, dove nel frattempo erano arrivati suoi amici e familiari, si è fatto festa.

Il primario del reparto di diabetologia Enzo Provenzano si è complimentato con i colleghi di Petralia, per le prime cure prestategli e per la tempestiva decisione di disporne il trasferimento a Partinico.
Partinico si conferma un punto di riferimento importante per i pazienti diabetici che arrivano da tutta la Sicilia. Allo stato attuale, l’equipe specializzata segue circa 1000 ragazzi diabetici a cui è stato applicato il microinfusore.

1 thought on “Partinico, salvata dall’equipe del dott. Provenzano una giovane donna giunta in coma diabetico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copyright © Tele Occidente - Riproduzione riservata | Newsphere by AF themes.