Gio. Ott 17th, 2019

Il Club dei Carinesi d’America di Brooklyn perde uno dei soci fondatori 

Si e’ spento ieri sera, a Brooklyn, N.Y., all’età di 81 anni, Salvatore Basile.

Grande uomo d’affari affermatosi negli Usa, persona generosa dal grande cuore e con un immenso amore per la città natia, Sal Basile e’ stato tra i soci fondatori e, Presidente fino ai primi del 2000, del Club dei Carinesi d’America, attivo da ben 56 anni.
Nato a Carini il primo gennaio del 1934, Salvatore Basile emigro’ negli Stati Uniti d’America nel luglio del 1958, assieme alla moglie Giuseppina Randazzo, con cui aveva appena convolato a nozze.
La sua e’ stata una storia caratterizzata da grandi sacrifici, da intenso lavoro, ma anche da grandi successi.
E nonostante la vita, in più occasioni, lo abbia messo di fronte a dolorose prove, con la grande forza d’animo che lo ha sempre contraddistinto, e’ sempre riuscito a reagire, per mantenere unita la sua famiglia a cui ha trasmesso tutti i valori della terra di origine.
Nei suoi racconti, fatti ai microfoni di Tele Occidente, nell’ambito della trasmissione Saluti dall’America, Toto’ Basile disse che comincio’ a guadagnare i primi soldi, già lungo il tragitto per raggiungere la “terra promessa”.
Lo fece durante la traversata, a bordo del transatlantico che condusse lui e la sua consorte in America. In tasca, aveva solo 300 dollari quando lasciò Carini e, non appena approdato in Spagna, utilizzo’ tutti quei soldi per acquistare dei foulard che, cercavano di vendere alcuni ambulanti che si erano avvicinati alla nave in transito.
Quando sbarco’ a New York, aveva già guadagnato il doppio dei soldi con cui era partito, poiché li rivendette ai passeggeri traendone proventi.
L’America, per lui, si è’ rivelata una terra di grandi opportunità. All’inizio fece i lavori più umili, persino spalare neve e vendere caramelle. E quando riuscì ad ottenere impiego nell’edilizia, il primo giorno di lavoro, per non arrivare tardi, ancora spaesato e senza un mezzo di trasporto, si parti a mezzanotte a piedi da Brooklyn, per essere certo di raggiungere in orario il cantiere che lo attendeva a Manhatthan.
La sua fortuna comincio’ quando, dopo aver trovato una impastatrice abbandonata, decise di trasportarla fino a davanti casa e di affiggere sopra un cartello, con il numero di telefono per eseguire lavori di manutenzione.
Nel giro di poco tempo comincio’ a lavorare esclusivamente in proprio e nel giro di pochi anni la sua attività si trasformò tra le più fiorenti presenti a New York.
Leader nel settore delle costruzioni e del cemento, Totò’ Basile riuscì  a costruire un impero per la sua famiglia e per le future generazioni che verranno.
Dal suo matrimonio con Giuseppina Randazzo ebbe 4 figli: Pierina, Giovi’, Paolo e Salvatore.
A tutti e’ riuscito a tramettere l’immenso e incondizionato amore per Carini, i valori dell’unione familiare e il rispetto per il prossimo.
Durante la sua vita si è fatto promotore di molteplici iniziative benefiche, in particolare per case famiglia che assistono diversamente abili e per aiutare bambini che hanno necessitato di particolari interventi chirurgici al cuore.
Ragion per cui più volte e’ stato insignito del titolo di “Uomo dell’Anno” da diversi sodalizi statunitensi ed internazionali come il Rotary Club.
Del club dei Carinesi d’America e’ stato socio fondatore e promotore, negli ultimi anni, dell’ingresso dell’ex Presidente Tony Prano, di Gianni Fileccia e di tanti altri giovani che adesso portano avanti l’associazione.
carinesi d'America

 

 

 

 

 

 

 

 

Altro merito da riconoscere a Totò’ Basile, e’ stato quello di orientare l’amministrazione del club, durante la presidenza di Tony Prano, a trasformare il sodalizio in associazione no-profit, affinché i beni mobili e immobili di proprietà del Club dei Carinesi d’America, nel caso di  futura inattività dello stesso, siano destinati ad iniziative benefiche.
Carinesi d'America 2La morte di Salvatore Basile rappresenta una grave perdita per quanti lo hanno conosciuto, stimato, apprezzato ed amato.
Una grave perdita anche per il Club dei Carinesi d’America, presieduto da Tony Troia che, in segno di lutto e rispetto nei suoi confronti ha deciso di sospendere il Christhmas Party programmato per domenica prossima.
Messaggi di cordoglio giungono alla famiglia Basile da Tele Occidente, dal Presidente del Club dei carinesi d’America Tony Troia, da Tony Prano, Gianni Fileccia, Jack Randazzo, Pietro Nicastri, da tutti i soci e membri dell’associazione, dal sacerdote Don Giacomo Sgroi e dal sindaco di Carini Giovi Monteleone, a nome della città e della giunta comunale

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.