Ven. Ago 23rd, 2019

Sequestrato e picchiato, notte da incubo per un rumeno (foto)

Gli hanno teso un tranello, attirandolo con una scusa nell’abitazione di un connazionale a Calatafimi Segesta, sono state ore terribili per O. Vlad rumeno di 29 anni che è stato sequestrato e picchiato per un’intera notte. La vittima è stata pure derubata.

Il ventinovenne, che lavora come pastore in un ovile, è stato contattato telefonicamente intorno alle 20.00 di sabato sera ed invitato da un connazionale Vasilica Vlase a recarsi nella sua abitazione; nel tragitto il rumeno ha incontrato un collega Catalin Babiuc Sever ed insieme sono arrivati a casa di Vlase, dove è cominciato l’incubo per il pastore. Ai due connazionali se n’è aggiunto un terzo Ionut Vlase.

Il ventinovenne è stato scaraventato a terra ed immobilizzato. I suoi connazionali hanno cominciato a colpirlo violentemente con un tubo in gomma, con un bastone in legno e addirittura con un’ascia. Con un coltello puntato alla gola la vittima è stata ripetutamente minacciata di morte e mentre veniva percossa le sono stati rubati i documenti di riconoscimento, il telefono cellulare e 150 euro in contanti.

I tre rumeni hanno allentato le presa solo alle 5.00 del mattino, per andare a dormire. Vlad è stato lasciato su una sedia, per lui era impossibile chiedere aiuto o fuggire, la porta di casa era stata chiusa a chiave. Intorno alle 6.30 però Ionut Vlase si è alzato per andare a lavoro e prima di uscire ha nuovamente minacciato di morte il pastore. L’aguzzino ha però lasciato la porta aperta e così il ventinovenne è riuscito a scappare e si è rifugiato in un’abitazione vicina, dove ha atteso i soccorsi.

Il rumeno è stato trasportato da un’ambulanza del 118 al pronto soccorso di Calatafimi – Segesta. Sono stati i medici a richiedere l’intervento dei carabinieri della compagnia di Alcamo. I militari ascoltata la testimonianza della vittima si sono subito messi sulle tracce dei tre rumeni, che sono stati arrestati.

Il pastore ventinovenne è stato giudicato guaribile in 15 giorni, ha riportato diversi traumi: cranico facciale, dorsale ed addominale.

Secondo gli investigatori, alla base del sequestro e della violenza potrebbe esserci un regolamento di conti tra connazionali.

VASILICA VLASEVasilca Vlase

 

 

 

 

 

CATALIN BABIUC SEVECatalin Babiu Sever

 

 

 

 

 

IONUT VLASEIonut Vlase

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copyright © Tele Occidente - Riproduzione riservata | Newsphere by AF themes.