Gli operai Ato di Carini s’incatenano ai cancelli dell’autoparco di Capaci

Questo articolo può essere liberamente commentato senza necessità di registrazione al sito. Il commento rappresenta il punto di vista dell'utente. Il sistema memorizza l’indirizzo IP per identificare il dispositivo dal quale è stato inviato il commento. L'IP e gli altri dati non saranno mai divulgati a terzi tranne alle autorità competenti in caso di violazioni. La redazione di Tele Occidente si riserva la facoltà di approvare il commento: non sarà pubblicato quando istighi all’odio o alla violenza; sia lesivo nei confronti di persone, istituzioni, aziende, religioni; possa arrecare danno a minori di età; contenga dati personali di terzi; utilizzi impropriamente il mezzo per promuovere iniziative e/o attività commerciali. Inserendo un commento l'utente dichiara di accettare queste condizioni.

3 Responses

  1. orazio scrive:

    Signor Sindato e Amministratori,ma non vi vergognate a vedere delle scene cosi,ma perche non la finite di fare dei finti Politici e fate in modo che tutti hanno qualcosa da mangiare,che schifo ,vergognatevi .

  2. Antonio scrive:

    Salve, volevo fare una precisazione in merito all’articolo da Voi scritto, in quanto non sono stati i lavoratori della ditta privata a prestare il servizio di raccolta a Carini, ma i dipendenti della TEMPORARY s.p.a, con i mezzi presi a noleggio da parte del Comune.

  3. cittadino scrive:

    La cosa assurda è che L’on cuffaro ha allontanato le ditte private facendo gestire il servizio agli ato ovviamente con un serio programma di acquisto mezzi attrezzature discariche ecc, questo presidente di oggi sta portando tutto nelle mani delle ditte private,che poi dietro ci sia l’amico dell’amico, dicono bene i dipendenti le ditte private comprano sempre mezzi nuovi e l’ato non ha i soldi per le scope, ha mio modesto avviso la procura dovrebbe indagare, perchè è una cosa voluta un pò da tutti i sindaci fare chiudere gli ato per dare tutto ai privati amici compiacenti ecc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *