Mar. Ott 22nd, 2019

Respinto il ricorso di Giacomo Palazzolo, fu licenziato dalla Gesip. “Ricorrerò in appello”

Giacomo Palazzolo, l’ex direttore generale della Gesip ai tempi del sindaco Diego Cammarata, non fu licenziato per ragioni discriminatorie legate alla sua appartenenza politica. Lo ha stabilito il Tribunale del Lavoro di Palermo, giudice Dante Martino, chiamato di nuovo a valutare nella fase di opposizione al ricorso dell’avvocato monteleprino ed ex direttore generale della partecipata del Comune di Palermo, licenziato dopo l’insediamento della giunta di Leoluca Orlando. La tesi che sosteneva Palazzolo, attraverso i suoi legali Francesco Todaro e Leonardo Giglio, era che la decisione di estrometterlo non sarebbe stata legata alla crisi della società, ma alla sua appartenenza politica. Palazzolo, a suo dire, sarebbe stato vittima dello “spoil system” attuato da Orlando, che avrebbe allontanato dalle aziende partecipate comunali i personaggi riconducibili a Cammarata. Già al centro della vicenda giudiziaria relativa all’uso di un operaio della partecipata come skipper dell’ex sindaco forzista, Palazzolo era stato, comunque, assolto dalla Corte d’Appello lo scorso novembre. I giudici di secondo grado avevano ribaltato una condanna in primo grado a due anni di reclusione per truffa e abuso d’ufficio. Vi sarebbe un filo rosso, sempre secondo Palazzolo, a legare la sua collocazione politica e il licenziamento, solo apparentemente motivato da ragioni squisitamente economiche. Secondo il giudice, invece, i semplici dati politici forniti dal dirigente non sono sufficienti per desumere da tali circostanze “l’effettiva riconducibilità del licenziamento a ragioni discriminatorie”. Per il Tribunale “non emerge alcun elemento che permetta di ricondurre la scelta datoriale di licenziare il ricorrente alla volontà di punire un avversario politico”. (ANSA).
“I miei legali ricorreranno in appello –dichiara Giacomo Palazzolo alla redazione di Tele Occidente-, ci sono diverse anomalie che vanno chiarite. Non sarà sfuggito all’opinione pubblica che il mio licenziamente è legato a ragioni discriminatorie collegate alla mia appartenenza poltica. Sono stato lasciato solo –spiega ancora Palazzolo- perché ritenuto scomodo. Non mi arrendo e mi difenderò in tutte le sedi”. E’ sempre uno sfogo amaro quello di Giacomo Palazzolo che dopo aver ricoperto ruoli manageriali è tornato a fare l’avvocato a tempo pieno e va avanti consapevole –spiega- che “la sentenza di primo grado presenta evidenti vizi logici-giuridici, che saranno sottoposti –conclude Palazzolo- al giudice d’appello e sicuramente il verdetto sarà ribaltato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.