Mar. Ott 22nd, 2019

Accoltellamento, fermati i presunti aggressori. Feriti due fratelli di Borgetto

Sarebbero cinque le persone fermate per il raid punitivo al deposito di mezzi di contrada Cortiglia a Montelepre. Cinque persone sono finite in ospedale, di questa una è in prognosi riservata, un’altra è rimasta ferita gravemente ma non sarebbe in pericolo di vita. Si tratta di due fratelli di Massimo e Giuseppe Buscemi rispettivamente di 34 e 37 anni che vivono a Borgetto.

L’aggressione sarebbe avvenuta per futili motivi: la diatriba per un incidente stradale che si era verificato la mattina a Partinico, tra un mezzo pesante della ditta intestata a Pietro Temperino, con alla guida uno dei Buscemi e l’autovettura di proprietà di uno degli uomini sottoposto a fermo. La discussione sarebbe da subito degenerata ma verbalmente, entrambi i contendenti sostenevano di avere la precedenza.

La questione resta dunque aperta. Nel pomeriggio il conducente dell’autovettura decide di andare a trovare a casa il dipendente della ditta, si reca a Borgetto insieme ai figli ed altri due giovani. L’operaio però non c’è ed è allora che il commando si dirige al deposito di contrada Cortiglia, sulla circonvallazione di Montelepre. La situazione sarebbe degenerata velocemente e dalla parole si è passati alle mani, ai coltelli e alle mazze.

Drammatico il bilancio della spedizione punitiva: le coltellate mandano in ospedale ben cinque persone. Il titolare della ditta Pietro Temperino 40 anni, la moglie Giuseppina Cardillo 40 anni e tre operai, i fratelli Buscemi e Giosuè Bonì 35 anni. Di questi soltanto i due fratelli si trovano ancora ricoverati, uno è in prognosi riservata, i fendenti lo avrebbero raggiunto ad un rene danneggiando seriamente l’organo. Mentre l’altro sarebbe stato ferito ad un polmone ma le sue condizioni di salute non sarebbero gravi. Sulla vicenda i carabinieri della compagnia di Partinico mantengono il massimo riserbo, non lasciano trapelare alcuna informazione sui fermati, gli indiziati sarebbero cinque, in tre rischiano un’accusa per tentato omicidio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.